Io cosa c’entro?

c'è differenza fra un motociclista che sa come funziona il motore della propria moto e uno che non lo sa?

c'è differenza fra un motociclista che sa come funziona il motore della propria moto e uno che non lo sa?

Ci siamo trovati con Erika, Rita e Francesco ai tavolini di un bar: capita spesso che chi organizza un concerto voglia mettere a punto alcuni dettagli logistici incontrandoci di persona. Il concerto in questione era quello per l’AIL, l’associazione italiana leucemie e i nostri tre ospiti ne sono membri.

“Cosa sapete della leucemia?” “Sapete come si diventa donatori di midollo osseo?” “Sapete in cosa consiste la donazione del midollo?”… “Bah!” – mi dico – “cosa c’entra tutta questa roba con il concerto?!”… E poi, invece, capisco… capisco che loro volevano che capissi per quale motivo si doveva salire sul palco. Per me era un concerto come tutti gli altri, per loro no, e la differenza stava tutta nella consapevolezza.

La consapevolezza è una responsabilità personale. Sapere le cose è una responsabilità personale.

Avrò fatto un concerto diverso dal solito? Da fuori qualcuno avrà notato qualche differenza? E’ un po’ il quesito di Pirsig ne Lo zen e l’arte della manutenzione della motocicletta: c’è differenza fra un motociclista che sa come funziona il motore della propria moto e uno che non lo sa?

Piccolo salto di palo in frasca: al telefono il mio amico Giacomo mi informa che il luogo in cui terrò il mio prossimo concerto è stato un terreno di scontro politico negli scorsi giorni. Mi illustra le ragioni dei due schieramenti, prende posizione… “Tu” – mi dice ridendo – “cerchi ovviamente di fare una sana critica dall’interno andandoci a suonare…” No, semplicemente non ne sapevo niente: ci suono e basta.

Forse non è sempre così facile sapere tutto. E poi i miei gesti hanno sempre qualche significato?

Esco un attimo dal piccolo circolo delle mie esperienze personali e considero che, a livello nazionale, si sta dibattendo se è così necessario sapere delle cose relative ai nostri uomini politici oppure no. Siamo dei cittadini diversi se conosciamo di più dei nostri uomini politici?

Pensandoci, questa cosa della consapevolezza è veramente molto complicata. Non è detto che io sia un motociclista migliore se conosco il motore, non è detto che io sia un cittadino più attivo se conosco i dettagli privati dei politici… è certo però che avrò la possibilità di essere consapevole: ogni mia scelta sarà motivata, perché avrò a disposizione degli elementi fondamentali per decidere se fare una cosa piuttosto che un’altra.

E’ una questione di senso.

Alla fine, il nostro concerto per l’AIL è stato anche filmato e, rivedendolo, ho trovato un sacco di imprecisioni tecniche, vocali, musicali… non è stata certo una delle nostre performance migliori. Io però la ricordo come una serata in cui ero molto coinvolto in quello che facevo, perché avevo ben chiaro il senso di quello che stavo facendo…. e forse basta questo.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in posts e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Io cosa c’entro?

  1. Silvia ha detto:

    che bravi con le parole e con la musica

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...