La crisi è psicologica

Potrebbe PiovereDice che la crisi è psicologica.
Che è un frutto della mia immaginazione.
Bene. Bene. Dico io: se mi concentro tanto, chiudo gli occhi e conto fino a tre, magari la crisi sparisce.

Uno. Due. Tre.

Niente.
La crisi è sempre lì.
In compenso però son spariti i soldi.
Non ci si può fidare proprio di nessuno però: li avevo lasciati un attimo qui sul tavolo.
Poi però arriva la crisi e mi dice che i soldi non esistono e sono solo frutto della mia immaginazione.
“Ma come?!” dico io.
“Come “come” – dice lei – “tu credi di aver lasciato lì dei soldi e invece non lo hai fatto. E la prova è che, evidentemente, i soldi non ci sono”.
“No, no ma io dicevo “come” perché mi chiedevo come mai tu, Crisi, mi parlassi… Ma allora, cribbio, esisti veramente! Non sei frutto della mia immaginazione”
La Crisi mi dice che semmai “frutto di immaginazione” ci sono io e tutta la mia famiglia.
Io dico No cara Crisi: io è evidente che ci sono. Eh, son qui!
Già… mi fa lei: come i soldi di poco fa!
No, no dico: i soldi c’erano veramente. Erano sul mio conto: c’ho i documenti della banca, c’ho le carte, la busta paga…
Ah, giusto – dice lei – ma tu, i soldi, li hai mai visti?
Be’…no – dico io – mi arrivano sul conto corrente, pago con la carta di credito o con il bancomat… e dopo la banca mi dice che non ci sono più.
Ahhhh…. E allora come fai a dire che i soldi esistono? Mi dice lei.
Perchè lo sanno tutti. Tutti hanno i soldi. Tutti parlano di soldi…. e allora i soldi esistono!
(Questa crisi psicologica è peggio di quel che pensavo… mi sta venendo un mal di testa!)
Bene.
La Crisi mi guarda e mi dice: i soldi ci sono perchè ne parlano tutti. Quindi ci sono anch’io perché di me parlano tutti.
Non sono una roba psicologica o almeno, anche se lo sono, alla fine esisto lo stesso: come i segni zodiacali.
A proposito: tu di che segno sei?
Io? – dico. Cancro.
Già – mi fa la Crisi – mi rendo conto solo adesso che non so niente di te. Il nome. Cosa fai…
In effetti nessuno parla di te. Nessuno parla di te che sei una persona qualunque.
Anzi. Non è neppure detto che tu esista.
Forse sei solo frutto della tua immaginazione.
Proviamo: chiudi gli occhi e conta fino a tre.

Uno.Due.Tre.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in posts e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...