Astri & disastri

stelle

Resto disteso qui, sul prato, perché in questi giorni, dicono, si vedono le stelle cadenti.

E’ un rituale di tutti gli anni, in agosto: una coperta sull’erba, le mani dietro la nuca e gli occhi puntati a guardare nel buio. Chissà cosa mi aspetto. Da bambino almeno c’era l’attesa di un desiderio da realizzare. Una stella che cade è una promessa per il futuro.

Col passare degli anni, ho cominciato a pensare che quella pioggia di stelle rappresentasse la caduta graduale di tutti i miei desideri e delle mie speranze. E’ così: quando cresci, diventi gradualmente più disilluso e continui comunque a stare lì con il naso puntato per aria ma è come se il buio prendesse il sopravvento. Alla fine queste lucine mobili sono davvero poca cosa rispetto a quella cupola nera. E tutte le volte che ci hai sperato davvero, alla fine è stato un disastro.

Un disastro, proprio così. “Disastro” letteralmente significa proprio questo: una stella sfortunata che deraglia, esce dal proprio cammino consueto e cade. La gente non lo sa: ma ogni astro che cade è un altro errore da sommare alla collezione.

Eppure alla fine sono qui, a farmi inghiottire da questo buio.

Forse il rituale in sé è consolante, alla fine dei conti. Tu sei lì disteso, stai in silenzio, spegni tutte le altre luci… e alla fine ti accorgi che il buio non è poi così buio. Gli occhi si abituano e piccolissime e lontanissime stelle compaiono.

Eccole tutte là: il Carro, Cassiopea, Vega, Altair… le stelle fisse e la loro rassicurante permanenza. Poi in mezzo a loro – waaaam! – una stella cadente a schizzare fuori dalle rotte previste, dagli schemi delle costellazioni, a strapparti un sorriso stupito per quella inaspettata velleità di solcare tutto il buio.

Un altro disastro, niente da dire. Eppure è bello restare qui, con il naso per aria, e pensare che la nostra vita in fondo non sia molto diversa: un buio da contemplare in silenzio, per rendersi conto che i punti di luce sono molti più di quelli che pensavamo, e magari capire che ogni nostra uscita dagli schemi, ogni nostro sogno infranto o speranza, ogni sforzo fallito per essere qualcosa di diverso, ogni disastro combinato insomma, alla fine è stato anche questo: una piccola e luminosa pioggia di stelle.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...