Il guscio d’uovo

guscio

(…)

siamo in molti a pensare che non c’è

modo d’imballarlo come si deve

un oggetto così fragile, così breve e così

c’è poco da sperare

nella salvezza del guscio d’uovo

(G.Raboni da Il più freddo anno di grazia, 1988)

 

“Ma perché l’uovo?!”

A Pasqua mi piace dipingere le uova. Il mio obiettivo sarebbe quello di ottenere uova colorate e lucide come quelle che mi portavano i miei cugini dalla Svizzera. Non ci riesco mai. Ho provato diverse tecniche senza grossi risultati. Quest’anno proverò con i coloranti alimentari e ho coinvolto le mie figlie nella lavorazione.

“Ma perché l’uovo?!”

“Come?”

“Perché proprio l’uovo… cosa c’entra con la Pasqua?”

E allora io comincio a spiegare a loro che l’uovo è un simbolo della vita: in un uovo, in fin dei conti, è come se ci fosse una vita intera, no? Loro fanno finta di capire, sorvolando sulle evidenti contraddizioni: la frittata, ad esempio, che cosa simboleggia? E le uova sode? E perché ci sono dei conigli che portano in giro le uova? E’ una strana forma d’ibridazione?

Anche io me ne sto zitto e continuo a colorare. Forse le cause della mia affezione alle uova sono più remote: risalgono alla sorpresa di accompagnare mia nonna nel pollaio, di cercare con la mano sotto il sedere della gallina e di percepire la rotondità perfetta dell’uovo. La nonna poi strofinava l’uovo nel suo grembiule e, arrivati in casa, vi faceva due piccoli forellini, con uno spillo o con la punta delle forbici, uno sulla cima e l’altro sul fondo. Io bevevo l’uovo, tutto d’un fiato, col leggero disgusto della materia cruda che mi scendeva in gola, con la sorpresa del vero sapore dell’uovo – buonissimo e brevissimo – che arrivava all’improvviso in mezzo a quel viscidume freddo. E poi il guscio vuoto, con i due forellini: lo potevi mettere controluce e vederne la radiografia illuminata dal sole.

Forse l’uovo è davvero una metafora della vita. La metafora di una perfezione banale e fragilissima che ti viene messa fra le mani, una cosa che si può rompere in qualsiasi momento, quando meno te lo aspetti. Quale sarà il segreto racchiuso nel guscio d’uovo? Cosa ci sarà lì dentro? Forse dovremo bere tutto d’un fiato quel che ci tocca, con la speranza di sentirne il vero sapore… Con la certezza che quel guscio dovrà essere rotto, comunque, per capirne il segreto: perché in fondo, la vita, per essere capita veramente, non può essere preservata da queste rotture. Nel dolore dell’uovo rotto forse riusciamo a capire quel piccolo miracolo rotondo che avevamo fra le mani. In ogni crepa della nostra vita riusciamo ad intravvedere il senso profondo nascosto.

C’era una poesia molto bella di Giovanni Raboni, comincio a recitarla lentamente mentre sto colorando: “La tenerezza del guscio d’uovo / dolcemente svuotato con la bocca / e ornato con paesaggi lontani…”

Le figlie mi guardano stranite e io mi fermo: “Niente – dico – era una poesia che mi è venuta in mente…”

Meglio preservarle dalla conclusione: meglio sottintendere che la vita è un mistero bello e colorato, sul cui guscio possiamo immaginare gli arcobaleni più belli; meglio lasciare da parte, finché possiamo, il dolore delle morti inspiegabili, della violenza che ci circonda, degli attentati o delle fratture quotidiane; meglio che loro si concentrino e maneggino con cura il piccolo miracolo che hanno fra le mani…

“Non sono bellissime le uova colorate?”

“Sì, ma io continuo a non capire cosa c’entra il coniglio con la Pasqua…”

“Il coniglio? Il coniglio…Be’… quello ve lo spiegherò quando sarete più grandi!”

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in posts. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...